Giancarlo D’errico e Pericle Farris ricevuti dall’assessore regionale Chiara Caucino

Giancarlo D’errico e Pericle Farris (FISH Piemonte) ricevuti dall’assessore regionale Chiara Caucino

“Un confronto molto positivo, abbiamo chiesto di iniziare dall’apertura di un tavolo di concertazione e sperimentazione sui temi legati alla disabilità”

Ieri pomeriggio i rappresentanti regionali della FISH – Federazione Italiana Superamento Handicap, Pericle Farris (presidente APRI – Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti) e Giancarlo D’Errico (presidente Anffas Piemonte e Anffas Torino) sono stati ricevuti da Chiara Caucino, Assessore agli Affari Sociali e alle Pari Opportunità della Regione Piemonte, per un incontro conoscitivo.

“Siamo soddisfatti – commentano Giancarlo D’Errico e Pericle Farris – della disponibilità e dell’attenzione che ci ha riservato l’Assessore. Nessuna promessa, come quelle in cui si prodigavano alcuni suoi predecessori e che a conti fatti si sono rivelate false, ma la disponibilità a coinvolgerci e ad ascoltarci riguardo ai temi legati alla disabilità. ‘Niente su di noi senza di noi’ è uno slogan in cui ci riconosciamo: temi come la scuola, il lavoro, la casa e il dopo di noi, che rendono concreti i principi di inclusione e pari opportunità nel quadro dei singoli progetti di vita, devono essere sviluppati di concerto con le associazioni che si occupano di disabilità”.

“Il primo punto su cui ci si è trovati d’accordo – continuano D’Errico e Farris – è la necessità di attivare una modalità di confronto estremamente operativa, come un tavolo di concertazione e sperimentazione. Le linee di intervento sulle quali si è convenuto di attivarci riguardano le azioni legate alla prevenzione e agli interventi precoci, quelle rivolte all’aumento delle autonomie, ai sostegni mirati e adeguati ai bisogni. Una corretta azione potrebbe permettere di specializzare la spesa con il conseguente aumento dell’efficienza e dell’efficacia, con benefici effetti sui costi e sulle disponibilità. Un esempio per tutti l’intervento sul sistema del fondo regionale disabili per il lavoro. Il tempo sarà giudice”.

,

Inserimento lavorativo di persone con disabilità

Inserimento lavorativo di persone con disabilità, FISH e Anffas ricevute in 3° e 4° Commissione sulla riforma del Regolamento 307

Giancarlo D’Errico: “Apriamo un tavolo di concertazione per armonizzare gli strumenti di legge e costruire un modello duraturo”

Continua a leggere

La denuncia della mamma di un ragazzo autistico: “Mio figlio discriminato a scuola”

LA MAMMA DI UN RAGAZZO AUTISTICO GRAVE DENUNCIA: “MIO FIGLIO DISCRIMINATO A SCUOLA,  DICHIARATO IDONEO AL LICEO PUR DI ALLONTANARLO”

Edoardo, 15 anni, senza neppure aver sostenuto l’esame di terza media, è stato lo stesso “licenziato” dal preside di un istituto di Trofarello.

Giancarlo D’Errico, presidente Anffas Torino, e il consigliere Angelo Faiella: “Il dirigente in questa sua scelta ha tutelato il benessere del ragazzo? Andremo a fondo della questione rivolgendoci all’Ufficio scolastico regionale”. Continua a leggere

Confronto tra candidati alle elezioni regionali

Disabilità e terzo settore: confronto tra 6 candidati alle elezioni regionali

FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap organizza la tavola rotonda con Monica Canalis, Valentina Caputo, Francesca Frediani, Massimo Guerrini, Silvio Magliano e Gianluca Vignale.

Appuntamento martedì 21 maggio alle ore 18 all’Educatorio della Provvidenza Continua a leggere

,

Progetto EV.A: formare il personale ASL sui temi della disabilità intellettiva e relazionale

Anffas saluta con soddisfazione la partenza del Progetto EV.A. promosso dalla regionale Piemonte per formare il personale delle ASL sui temi della disabilità intellettiva e relazionale

Continua a leggere

Giornata mondiale sulla Sindrome di Down: Anffas e Torino FD organizzano un triangolare di calcio

Una partita di calcio per celebrare la Giornata mondiale sulla Sindrome di Down. Un pomeriggio di festa e divertimento rincorrendo un pallone per ribadire, con il sorriso ma con fermezza, che le persone con trisomia 21 hanno diritto a una vita indipendente, ad avere un lavoro, costruirsi una famiglia e gestire una casa propria. Magari iniziando a fare sport come tutti gli altri e insieme a tutti gli altri.

Giovedì 21 marzo 2019 Anffas Torino, associazione che sostiene le persone con disabilità intellettiva e le loro famiglie, organizza un triangolare di calcio insieme all’associazione Torino For Disable, Onlus per disabili fisici e relazionali nata da un’idea di Claudio Girardi, capitano e anima della squadra, e sposata dal presidente Urbano Cairo nel 2010.
L’appuntamento è alle ore 18 nell’impianto sportivo “Santa Maria” di Moncalieri, in via Saluzzo 6, campo recentemente intitolato a Valentino Mazzola, il capitano degli Invincibili. In campo due squadre del Torino FD (5 livello e 6 livello, ovvero i due più “gravi”) e le ragazze del Trofarello Calcio Femminile.

Giancarlo D’Errico, Presidente Anffas Piemonte e Direttore Anffas Torino: “Lo sport supera le differenze, è il motto della Torino FD, che noi sposiamo in pieno. Personalmente il mio sport è la vela, che mi ha permesso di scavalcare barriere che altri – non io – giudicavano insuperabili. Per i ragazzi del Torino FB è il calcio, sport che tante volte va in prima pagina come collettore dei peggiori comportamenti di arroganza, violenza e materialismo, ma che è anche capace di farsi portatore dei migliori sentimenti e di raccontare storie di amicizia, solidarietà, integrazione. Giovedì 21 marzo, insieme agli amici granata e alle ragazze del Trofarello Calcio, scriveremo insieme un capitolo importante e divertente, che parlerà di pallone ma soprattutto dei diritti irrinunciabili che spettano – per legge e per senso di giustizia assoluto – alle persone Down, ma che bisogna lottare affinché vengano loro riconosciuti. Parlo del diritto ad avere un posto di lavoro consono alle loro potenzialità. Del diritto ad avere una casa propria e una vita sentimentale. Parlo in generale del diritto ad avere un progetto di vita indipendente, lo stesso diritto che accomuna tutte le persone con disabilità intellettiva e relazionale. La Giornata mondiale sulla Sindrome di Down e tutti gli eventi ad essa connessi, anche quelli di carattere più ludico, servono a ribadire con forza questi concetti, senza i quali una società non può dirsi veramente civile”.

Evento formativo sulle modalità di apprendimento delle persone con austismo

“Autismi e apprendimento”, evento formativo sulle caratteristiche e modalità di apprendimento delle persone con autismo

Docente la dottoressa Luisa Di Biagio,
“autistica e attivista per i diritti degli autistici”

Si intitola “Autismi e apprendimento” il corso organizzato da Anffas Torino in collaborazione con l’Associazione Ipertesto e rivolto a logopedisti, psicologi, TPNEE (terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva), medici, terapisti occupazionali, docenti, assistenti alla comunicazione, insomma tutte le figure professionali che si rivolgono a persone con disturbo dello spettro autistico, ma aperto anche alle famiglie e a chiunque fosse interessato ad approfondire questa tematica.

Si tratta di un corso formativo che approfondirà le caratteristiche e le modalità di apprendimento delle persone con autismo, tenuto dalla dottoressa Luisa Di Biagio, etologa, psicologa e scrittrice, “autistica, mamma di un bambino autistico e attivista per i diritti degli autistici”, come lei stessa si definisce.

Il suo impegno per far conoscere meglio la condizione autistica è costante e caratterizzato da professionalità e competenza: “Meglio sarebbe affermare che non esistono solo condizioni fisiologiche tipiche o autistiche, ma anche condizioni fisiologiche miste”, è il sunto del suo approccio. “È un corso – spiega – rivolto agli addetti ai lavori, ma grazie all’impegno e alla collaborazione di Anffas è aperto a tutte le persone interessate a parteciparvi. Tratteremo aspetti teorici e tecnici, ma sempre con un occhio al pratico, che svilupperemo tramite workshop, con l’obiettivo di approfondire tecniche di comunicazione efficaci nei confronti degli autistici. Sono argomenti poco conosciuti ma fondamentali, che coinvolgono le famiglie, le istituzioni e anche il mondo della scuola”.

“Autismi e apprendimento”, evento ECM n.3732-234791 Ed.2 che dà 19,6 crediti ECM, si terrà sabato 10 e domenica 11 novembre dalle 9 alle 18, nella sede di Anffas Torino, in via Carlo Bossi 24 a Torino. Gli argomenti del corso diventeranno i contenuti di un e-book di prossima uscita.

“Un blues per Janis”, rock e solidarietà si incontrano a Grugliasco

“Un blues per Janis”, rock e solidarietà si incontrano sabato 24 novembre al Parco Le Serre di Grugliasco

Il ricavato delle offerte servirà per attrezzare un laboratorio di musica dedicato alle persone con disabilità Continua a leggere

Giancarlo D’Errico alla tavola rotonda sull’inserimento lavorativo delle persone con disabilità

Giancarlo D’Errico alla tavola rotonda sull’inserimento lavorativo delle persone con disabilità: “Trasformiamo la legge 68/99 da obbligo a possibilità per tutti, rendiamo premiante in termini economici la responsabilità sociale d’impresaContinua a leggere

Blue Boy: il fumetto che racconta di autismo

Chi è Blue Boy? Incontro con il fumettista e operatore sociale Alessandro Caligaris
sulle tematiche legate all’autismo e al “pensiero per immagini”,

sabato 6 ottobre alle ore 14.30 nell’Antico Teatro ex Poveri Vecchi

Blue Boy, guida all’Infinito chiuso in una stanza” è un fumetto speciale realizzato nel 2017 dal torinese Alessandro Caligaris e pubblicato da Anonima Fumetti, una storia disegnata di blu (il colore dell’autismo) dove si narra l’incontro – all’interno dei laboratori di arte terapia dell’Accademia Albertina di Torino – tra un operatore e tre ragazzi autistici, attraverso un viaggio tra le loro opere. Blue Boy infatti unisce le due attività dell’autore: oltre ai fumetti, infatti, è impegnato da diversi anni nell’arte terapia con pazienti che soffrono di disturbi pervasivi dello sviluppo come l’autismo.

Il fumetto è quindi tratto dall’esperienza quotidiana del suo autore, ma non è inteso come un prodotto per specialisti: l’obiettivo è anzi quello di permettere a tutti di gettare uno sguardo nell’immaginario delle persone con disturbi dello spettro autistico e di aprire uno spazio di condivisione e riflessione sulle problematiche connesse all’autismo.

Chi è Blue Boy?” è il titolo dell’incontro in programma sabato 6 ottobre, dalle 14.30 alle 18.30, presso l’Antico Teatro ex Poveri Vecchi, ingresso da corso Unione Sovietica 220/D a Torino.

Alessandro Caligaris presenta il suo fumetto e ne spiega l’origine e il significato. Nell’occasione verranno esposte le tavole originali del fumetto.

Gli adulti verranno coinvolti in un workshop sull’importanza di tradurre il pensiero in immagini: il “pensiero per immagini” è per definizione il pensiero delle persone autistiche, ma è una modalità propria a tutti, in particolare ai bambini.
I bambini e le bambine dai 5 agli 11 anni invece saranno impegnati in una proposta didattica con specifici laboratori di disegno, gratuiti e gestiti da educatrici professionali; è prevista una merenda con pane e nutella.

La partecipazione è gratuita ma per i laboratori i posto sono limitati, è quindi richiesta la prenotazione.