Piattaforma Smart Player 4.0: video per persone autistiche

Si chiama “piattaforma smart player 4.0”, è il progetto per rendere fruibili contenuti video alle persone autistiche e alle persone con afasia che Anffas Torino sta sviluppando in sinergia con la Fondazione Molo, nell’ambito del bando Vivomeglio della Fondazione CRT.

Quando si parla di fruibilità in ambito cinematografico, di solito l’attenzione si concentra – oltre che sull’accessibilità fisica delle sale – su audiodescrizioni, sottotitoli e adattamento ambientale (luci tenui e volume audio moderato), ausili che non sono sufficienti per le persone con disabilità sensoriale e disturbi del neurosviluppo.

Il progetto smart player 4.0, invece, vuole sviluppare una piattaforma che renda fruibile film, fiction e altri programmi televisivi in streaming – quindi visibili su qualsiasi smart tv – con contenuti aggiuntivi che permettano a tutti di capire la storia: brevi riassunti, svolgimento della trama, analisi dei personaggi e altro, contenuti extra attivabili a scelta dall’utente (per esempio quando appare l’apposito pallino colorato sullo schermo). Il progetto pilota è l’adattamento della prima puntata della fiction “Un passo dal cielo”, in accordo con la Rai che l’ha prodotta e trasmessa, cui stanno lavorando due squadre: una di persone autistiche e l’altra di persone con afasia.

Con il bando Vivomeglio, “la Fondazione CRT rinnova l’impegno sul tema dello sviluppo, della qualificazione e dell’innovazione di iniziative finalizzate a migliorare la qualità della vita e il benessere della persona con disabilità intesa come soggetto che collabora, partecipa, sceglie il proprio progetto esistenziale. Nello specifico, con il presente bando intende sostenere progetti che propongano soluzioni nuove, efficaci e sostenibili per favorire l’integrazione sociale, lo sviluppo delle autonomie e delle abilità personali, la valorizzazione delle capacità residue di persone affette da disabilità in tutti gli ambiti in cui si articola la vita quotidiana”. In particolare, Anffas Torino e Fondazione Molo hanno vinto il finanziamento nella sezione dedicata al “tempo Libero: programmi ludico-ricreativi e momenti strutturati di aggregazione sociale in un’ottica di potenziamento delle capacità espressive e/o di integrazione delle persone disabili”.