Sportello di supporto per le persone con disabilità intellettive e/o relazionali e le loro famiglie

Anffas Torino è al lavoro per attivare, in tempi rapidissimi, uno “sportello di ascolto, supporto e consulenza” rivolto alle persone con disabilità intellettive e disturbi del neuro sviluppo e alle loro famiglie, per fornire loro strumenti utili al superamento di questo periodo di grande stress.

L’obiettivo è attivare un servizio in remoto, attivo tutti i giorni, con un’equipe composta da cinque operatori esperti dedicata alle richieste, provenienti in particolare dal territorio delle Circoscrizioni 1, 2, 3 e 8 del Comune di Torino, che conta quasi 500mila abitanti di cui più 20mila con disabilità intellettiva e/o relazionale. Oltre alle consulenze telefoniche, sarà messa a disposizione di tutti una piattaforma informatica con materiali, supporti e ausili multimediali scaricabili gratuitamente.

IL PROBLEMA: SITUAZIONE INSOSTENIBILE PER LE FAMIGLIE

In questo particolare periodo della nostra storia stiamo tutti facendo fronte ad una situazione di estrema gravità. L’emergenza sanitaria COVID 19, con l’obbligo di non uscire di casa, con tutte le attività sospese, la didattica e gli interventi di terapia assenti, i centri diurni socioassistenziali chiusi, ogni altra possibile attività sia essa occupazionale, sportiva o aggregativa preclusa, rappresenta una situazione di gravissimo stress già per tutta la popolazione.

Per le persone con disabilità intellettiva e/o relazionale e le loro famiglie questa situazione di stress assume dimensioni e gravità esponenzialmente maggiori. Queste persone, proprio per la loro condizione, non posseggono gli strumenti per poter comprendere e gestire questi gravissimi sconvolgimenti nelle loro vite. Di conseguenza le loro famiglie stanno pagando un prezzo altissimo:

il senso di abbandono nel dover gestire uno o più comportamenti problematici legati nello specifico alla situazione emergenziale;

lo stato d’ansia spesso provato dai parenti che vedono interrompersi quella routine fatta anche di supporti e momenti di tregua;

il fondato timore che la brusca interruzione delle attività e dei percorsi riabilitativi sfoci in “regressioni” e perdita di abilità acquisite in adulti e minori tagliati fuori dal contesto sociale usuale e ora ipostimolati;

stravolgimento delle abitudini ed equilibri familiari con difficoltà a organizzare il tempo e gli spazi a casa con appropriate attività sufficientemente stimolanti;

il senso di frustrazione che spesso assale i familiari dei nostri minori disabili intellettivi e/o relazionali che frequentano la scuola. Per loro, non potendo contare sul supporto dei docenti di sostegno, la formazione a distanza è spesso di complessa se non di impossibile fruizione. Sono spesso presenti difficoltà nella comprensione del linguaggio verbale che causano l’impossibilità di capire consegne spesso astratte, da qui la necessità di mediazione continua dell’adulto per la traduzione delle consegne in un linguaggio accessibile e il supporto nell’esecuzione dei vari compiti, difficoltà a mantenere l’attenzione per la necessità di fruire di un ambiente altamente strutturato, non sempre compatibile con le realtà abitative familiari, che rendono particolarmente difficoltoso l’apprendimento di nuove abilità e conoscenze;

difficoltà nel gestire la prevenzione igienico-sanitaria per la salute, legata alla difficoltà di comprendere quanto stia capitando e al cambiamento delle abitudini di vita;

la necessità delle famiglie di essere supportate, accolte, confortate, di fronte a vissuti di ansia, angoscia, frustrazione che stanno emergendo, favoriti anche dalla sensazione di sentirsi “soli” e “abbandonati”, e da un maggior carico assistenziale;

la necessità delle famiglie, gravate dalla quotidiana gestione della disabilità intellettiva e/o relazionale, di essere informate su tutto ciò che può essere attivato a supporto di questa drammatica situazione emergenziale che stanno vivendo.

LA RISPOSTA: CREARE UNA RETE DI SOSTEGNO TRA FAMIGLIE, ASSOCIAZIONI E PROFESSIONISTI

Con lo “sportello di ascolto, supporto e consulenza” rivolto alle persone con disabilità intellettive e disturbi del neuro sviluppo e alle loro famiglie, Anffas Torino intende perseguire i seguenti obiettivi e risultati:

  1. Fornire assistenza e supporto in remoto a circa 2.000 famiglie con una persona disabile intellettivo e/o relazionale a carico.
  2. Supportare e integrare altri sportelli di ascolto mettendo a disposizione le competenze maturate dalla nostra associazione in 60 anni di attività nel campo della disabilità intellettiva e/o relazionale.
  3. Creare un ponte tra i bisogni delle famiglie e le organizzazioni di volontariato e/o di familiari che si occupano nello specifico delle varie forme di disabilità intellettiva e/o relazionale.
  4. Rendere accessibile alle famiglie la rete di professionisti, psicologi, logopedisti, psicomotricisti, educatori, tecnici della riabilitazione comportamentale R.B.T., tecnici della riabilitazione psichiatrica, specializzati nel trattamento delle disabilità intellettive e/o relazionali