Tante novità nel progetto “Oasi , un’area verde come luogo di SensAzioni”

Si rinnova lo spazio di via San Marino in cui le persone con disabilità vengono coinvolte in attività di orticultura: da quest’anno bonsai e giardini verticali indoor

Nuovi progetti e rinnovamento delle strutture: “Oasi , un’area verde come luogo di sens-azioni” vive una seconda giovinezza. Dal 2003 Anffas Onlus Torino gestisce la struttura e il giardino di via San Marino 10, uno spazio di ritrovo quotidiano per ragazzi con disabilità, che vengono accompagnati e seguiti in diverse attività da un team di volontari ed esperti, in collaborazione con la cittadinanza e le scuole del territorio (in particolare con l’istituto tecnico Dalmasso, con cui è attivo un percorso di alternanza scuola-lavoro), con l’associazione “Diamoci una zampa” nel ciclo di incontri sull’educazione dei cani e il Comune di Vaie per la realizzazione del progetto “Il passato a portata di mano”

Il cuore dell’Oasi sono le attività di agricoltura, e in particolare di orticoltura, che vengono sviluppate nel giardino durante la bella stagione e spostati nei laboratori coperti in inverno. Coinvolgere le persone con disabilità fisica, intellettiva e sensoriale nella conduzione di un orto permette loro di sviluppare la motricità, di migliorare l’esplorazione sensoriale e di sviluppare la socializzazione. Rispetto della natura e rispetto delle relazioni umane vanno di pari passo.

Le innovazioni proposte nell’edizione 2019 di Oasi riguardano:

  • l’inserimento di postazioni sopraelevate per facilitare le attività manuali di orticoltura anche alle persone in carrozzina;
  • i corsi di bonsai, che riflettono l’immagine della disabilità in quanto richiedono costanti cure e attenzioni;
  • la realizzazione di giardini verticali indoor, utili nei mesi invernali e per riciclare materiali di scarto.